Skip to content
narrow screen wide screen auto screen Increase font size Decrease font size Default font size blue color orange color green color

www.nichelinohesperia.it

- Stampa E-mail
Indice
-
Pagina 2
Pagina 3
Tutte le pagine

 


 

 

 

 

Conferenza Stampa Presentazione Nuovo Organigramma

 

 

-------------------------------------------------------------------

 

                                                                                                                   

Open Day Scuola Calcio 09 Giugno


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A PARTIRE DA MARTEDÌ 02 MAGGIO 2017

SONO APERTE LE ISCRIZIONI AL

"SUMMER VILLAGE 2017"


 

 

-----------------------------------------------

 

 

 

 


 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

--------------------------------------------


2005 CAMPIONI AD AIRASCA

 

 

--------------------------------------------

 

SU CRONACA QUI.... CLICCA E LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

----------------------------------------------------------------------------

 

Prima categoria


Nichelino Hesperia-Atletico Racconigi 3-3


MARCATORI: 4’ pt Russo, 5’ pt Luisi, 20’ pt Cagliero, 30’ pt Lolli, 15’ st Mendola, 40’ st Sartorello.

 

----------------------------------------------------------------------------

 

Allievi



Nichelino Hesperia- Villastellone 1-1

 


pt 25’ Nicolli



----------------------------------------------------------------------------

 

 

 

 

 

 

 

A Nichelino una serata per parlare dell'intreccio tra sport e mafia

 

 

Iniziamo subito con la definizione della legge necessaria per combattere il fenomeno della criminalità mafiosa. 
Quando si applica la legge 416 bis: 
Quando la forza intimidatrice deriva dalla stessa «fama criminale» che l’associazione si è conquistata con precedenti atti di violenza e sopraffazione e dalla conseguente possibilità che gli associati continuino in futuro a ricorrere alla violenza al fine di conseguire i loro obiettivi. Ed ha queste due caratteristiche peculiari: 

- la forza di intimidazione mutuata dal vincolo associativo; 

- la condizione di assoggettamento ed omertà. 

Nella serata del 6 marzo si è svolta a Nichelino una bella conferenza, piena di spunti e notizie inerenti alla relazione tra Mafia, Sport, Calcio, voluta dall’assessore alla cultura e allo sport di Nichelino Diego Sarno per discutere e informare su queste tematiche che hanno molti risvolti inquietanti. Dopo un’introduzione più che altro per carpire la curiosità dell’argomento del Sindaco Tolardo si procede con il primo ospite illustre; il giornalista del Fatto Quotidiano Andrea Giambartolomei tra i primi a scrivere gli articoli tra i rapporti della curva (ultras) juventina, concussi con la ‘ndrangheta, e la società Juventus. Nel suo breve ma ricco e sostanzioso dati alla mani racconta di un’immagine molto cruda nella realtà del bagarinaggio criminale e di come il sistema della ‘ndrangheta abbia messo le mani sulle curve con intenti violenti ed intimidatori nei confronti della società che, si vedrà poi dallo svolgimento del processo con inizio il 23 marzo, sicuramente qualche colpa dovrà assumerla. Prosegue Pierpaolo Romani, coordinatore di “Avviso Pubblico” e autore dello splendido libro, cui tutti gli addetti ai lavori dovrebbero dare uno sguardo, “Calcio Criminale”. Nel suo squisito dibattito accenna a come il sistema criminale agisca a tutti i livelli nell’ambito del calcio, dalla serie A alle giovanili e a livello dilettantistico (promozione, e le varie categorie). La mafia entra nel tessuto sociale per trovare il consenso della gente, per farsi voler bene, perché offre servizi alle persone, la mafia è imprenditrice dice in maniera netta Romani. Infine fa un assioma perfetto; scommesse=corruzione se non gestite in maniera trasparente. Passiamo a Davide Mattiello deputato e componente dell’antimafia che con il suo acceso intervento descrive e definisce la mafia come un organizzazione criminale suddivisa in più associazioni (cosche o famiglie), rette dalla legge dell'omertà e della segretezza, che esercitano il controllo di attività economiche illecite e del sottogoverno, in tutti gli ambiti della nostra civiltà. Solo con una cultura di integrazione, europea in questo caso ma non solo, evitando nazionalismi e chiusure mentali si potrà cercare di sconfiggere lo stato di disagio della popolazione a cui la mafia mira. Infine Maria Josè Fava, referente di Libera in Piemonte, spiega come agisce la mafia cercando di accaparrarsi gli appalti dei servizi, riciclando il denaro sporco e via così in un sistema di totale controllo finanziario. La mafia è silente ma al momento giusto fa capire chi è con intimidazioni e infine con omicidi. Mi è rimasta impressa una frase da questa ottima conferenza; si dice spesso quando un civile innocente viene ammazzato che “era nel posto sbagliato al momento sbagliato”. No! Non è così e bisogna gridarlo, sono loro che sono sbagliati e sono criminali non noi. Nel Calcio e nello sport vi è anche bisogno di formazione di retaggi culturali efficaci per cercare di creare persone che non sentano il bisogno di una società omertosa e distorta nei suoi principi base di uguaglianza, rispetto, e libertà.

 


LOTTERIA DI PASQUA

Abbinata al Torneo Cat. 2003